PUNTINE DI VITELLO CON PATATE “ALLE TRE ERBE”

DSCN1257.JPG

Questa settimana ho acquistato al supermercato le puntine di vitello. Di solito questa carne la cucina al forno con le patate, insaporita con un trito di erbe e sale, ma accendere il forno nel periodo estivo…. c’è da fare la sauna! Anche se in casa mia ci sono i ventilatori a soffitto che vanno giorno e notte, accendere i forno non mi sembra proprio il caso. Così, pensa ce ti ripensa, ho provato a cucinarle in questo modo, e vi assicuro che sono una vera bontà; soprattutto perché, il mix di erbe che ci ho messo (prezzemolo, basilico, salvia) erano la giusta quantità, ed hanno reso la carne gustosa e saporita, oltre che morbida e delicata. Pensate che le ho cucinate ieri sera per oggi a mezzogiorno, ma sono venute buonissime.

Gli ingredienti sono questi:

Una confezione di 3 puntine di vitello di media grandezza

2 Spicchi d’aglio

1 Dado

1 Rametto di basilico

1 Rametto di salvia

1 Cucchiaio di prezzemolo tritato

2 Patate di media grandezza

Q.B. Olio d’oliva

Vino per sfumare.

Per prima cosa ho tolto dalla confezione le punte di vitello, ed ho tolto il grasso.

DSCN1250.JPG

Poi ho preso l’aglio, l’ho pelato e tritato. Ho preso una casseruola, ho messo l’olio d’oliva, le bistecche e sopra l’aglio. Ho acceso il fornello e le ho fatte rosolare.

DSCN1251.JPG

Poi ho preso il basilico e la salvia, ho lavato entrambe le erbe.

DSCN1252.JPG

Ho privato le foglie dai gambi, le ho tritate, e poi ho aggiunto anche il prezzemolo che io avevo già tritato (A casa mia si usa molto di più il prezzemolo che le altre erbe, e quindi, non appena lo compriamo lo tritiamo subito e poi lo mettiamo in conserva dentro un vasetto di vetro).

Intanto, quando le bistecche sono apparse dorate da ambo il lati, ho aggiunto il dado ed ho sfumato con il vino. Ho abbassato la fiamma del fornello.

DSCN1253.JPG

Ho preso le patate, le ho pelate, le ho lavate, e le ho tagliate in 4 parti, formando tanti tocchetti. Le ho versate nella pentola assieme alle bistecche. Ho abbassato la fiamma

DSCN1254.JPG

Ho aggiunto il trito di erbe preparato in precedenza.

DSCN1255.JPG

DSCN1256.JPG

Ho fatto cuocere a fiamma dolce per un’ora circa e poi ho spento. Questa mattina ho ripreso, l’ho cotto ancora per 20 minuti circa, ed il risultato è stato il seguente:

DSCN1257

Non vi pare una meraviglia soltanto a vederlo? E quando l’abbiamo assaggiato non potete immaginare la bontà! A mio avviso io vi consiglio di cucinare questo piatto se avete poche erbe in casa e non sapete come usarle: vedrete, è un vero capolavoro soprattutto per il sapore.

Annunci

FUSI DI POLLO ALLA SALVIA

DSCN1249.JPG

Questa settimana ho acquistato al supermercato i fusi di pollo. Dal momento che non volevo cucinarli sempre al solito modo (Con salsa e basilico), ho fatto una variante in quanto avevo la pianta di salvia in casa che ha parecchie foglie. Allora mi sono detta: perché non provare a farle in umido ma sostituendo la salvia al basilico? Benissimo, esperimento riuscito al 100%! Li ho cucinati ieri sera in quanto, come ho gia scritto in altri post, alla domenica mia madre non desidera molto stare ai fornelli, e quindi io preferisco anticipare il secondo piatto in modo tale da non darle questa incombenza.

Gli ingredienti sono i seguenti:

6 Fusi di pollo di media grandezza

2 Spicchi d’aglio

1 Dado

10-12 Foglie di salvia

Q.B. Olio extravergine d’oliva per rosolare e cuocere

Per prima cosa ho tolto i fusi di pollo dalla confezione.

DSCN1245.JPG

Dopodiché ho tolto la pelle scottandoli leggermente su un fornello. A questo punto ho preso una pentola e ci ho messo l’olio d’oliva ed i fusi spellati. Ho preso l’aglio e con una mezzaluna l’ho tritato finemente. Ho messo l’aglio sopra i fusi di pollo.

DSCN1246.JPG

Ho messo sul fuoco a fiamma vivace ed ho fatto rosolare da tutte le parti, ho poi aggiunto il dato e sfumato con il vino. Ho abbassato la fiamma ed ho coperto. Ho preso le foglie di salvia, le ho tritate con la mezzaluna.

DSCN1247.JPG

Dopo averle tritate le ho versate sul pollo in cottura.

DSCN1248.JPG

Ho lasciato cuocere per 45 minuti, affinché tutto il condimento si fosse rappreso. Oggi le ho fatte scaldare e le abbiamo mangiate con una bella insalata fresca di stagione. Il risultato? Eccolo:

DSCN1249

Vi giuro che la salvia, sostituita al basilico ha dato un particolare tocco di sapore a questo bel piattino! E’ risultato un sapore delicato, ve lo consiglio se avete della salvia in casa.

SEMIFREDDO AL CIOCCOLATO FONDENTE, MANDORLE ED AMARETTO DI SARONNO

 

DSCN1244.JPG

Vi ricordate il semifreddo che ho postato settimana scorsa? Era con il cioccolato bianco, cocco e limoncello, ed era una vera goduria per il palato! Oggi, avendo il cioccolato fondente e le mandorle in granella, ho pensato di preparare qualcosa di simile, ma con ingredienti diversi: in pratica ho proceduto nella preparazione alla stessa maniera di settimana scorsa, ma gli ingredienti che ho messo sono differenti.

Gli ingredienti sono i seguenti:

Gr. 200 panna da montare

Gr. 200 Formaggio fresco spalmabile

Gr. 100 Zucchero

Gr. 100 Cioccolato fondente

Gr. 100 Mandorle in granella

1/3 Bicchiere con Amaretto di Saronno (O altro liquore alla mandorla)

1 Cucchiaio di Nesquik (Ma se avete il  cacao meglio)

Q.B. Mandorle affettate

Per prima cosa ho sciolto il cioccolato fondente mettendolo in una terrina e ponendo questa sopra una pentola con un po’ d’acqua. Ho messo tutto su di un fornello.

DSCN1232

Nel frattempo mi sono dedicata alla preparazione della crema: in un’altra terrina ho messo la panna da montare e l’ho montata con le fruste. Quando è risultata pronta ho aggiunto il formaggio spalmabile, ed a poco a poco lo zucchero.

DSCN1233

Ho lavorato ancora con le fruste fino q quando il composto non è risultato denso: a questo punto ho aggiunto l’Amaretto di Saronno nel bicchiere.

DSCN1234.JPG

Ho continuato a miscelare con le fruste: ho poi aggiunto la granella di mandorle.

DSCN1235.JPG

Ho ripreso a mescolare con un cucchiaio di legno: ho aggiunto il cioccolato sciolto freddo.

DSCN1236.JPG

Ho continuato a mescolare con il cucchiaio di legno, ed infine ho aggiunto il Nesquik.

DSCN1237.JPG

Ho preso una forma di plum cake di media grandezza, l’ho foderata con carta trasparente ed ho versato metà del composto preparato.

DSCN1238.JPG

Poi ho preparato una bagna con Amaretto di Saronno ed acqua. Ho preso i biscotti, li ho spezzati e bagnati in questa soluzione. Poi li ho messi sopra la crema versata.

DSCN1239.JPG

DSCN1240.JPG

Ho versato la restante crema sopra i biscotti, e per fare la base ho preso altri biscotti senza spezzarli, li ho passati nella bagna e poi li ho disposti nel seguente modo:

DSCN1241.JPG

Ho preso dell’altra carta trasparente, ho coperto ed ho messo in freezer per 3 ore e mezza. Questa sera, quando l’ho tolto dal freezer, ho preso una base rettangolare ed ho tolto lo stampo da plum cake rovesciandolo su tale base. Ho preso le mandorle affettate e le ho disposte sopra e sui lati di tale dolce.

DSCN1243

A vederlo cosi sembra un Buondì, ma vi giuro che è un semifreddo buonissimo! L’interno? Eccolo:

DSCN1244

Non vi immaginate che tripudio di sapori! Mia madre ha detto subito che è ottimo, ed oltretutto è anche più leggero senza mascarpone. Vi consiglio di prepararlo qualche giorno prima se volete fare una merenda tra amici od una festicciola per i Vostri pargoli; vedrete che saranno contentissimi di questa delizia per il palato!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SEMIFREDDO AL CIOCCOLATO BIANCO, COCCO E LIMONCELLO

DSCN1231.JPG

Un’idea per un dolcetto estivo? Ame è venuta guardando il blog “Fatto in casa di Benedetta”, ed anche il suo filmato su YouTube! Lei aveva fatto il semifreddo al caffè, io invece ho optato per questo buonissimo dolcetto, variando anche i quantitativi e gli ingredienti. Devo proprio dirlo, c’è molto da imparare da lei, è una persona straordinaria, ha parecchi spunti ed idee, e dalle sue idee si possono ricavare dei piatti buonissimi.

Questa ricetta mi è stata ispirata in quanto avevo del cioccolato bianco e del cocco, e quindi mi sono detta: perché non provare a sorprendersi, facendo qualcosa di nuovo ma seguendo il procedimento del semifreddo al caffè di Benedetta? Devo proprio dire che il risultato è stato strepitoso!

Gli ingredienti sono i seguenti:

Gr. 200 Panna da montare

Gr. 250 Mascarpone ( Ma se volete lo potete sostituire con un formaggio più leggero, tipo Philadelphia)

Gr. 100 Zucchero

Gr. 100 Cioccolato bianco

1/3 Bicchiere di limoncello

Gr. 125 Cocco grattugiato

Q.B. Biscotti tipo gallette

 

Per la bagna:

Q.B. Limoncello + Acqua.

Ho cominciato mettendo sul fuoco una pentola con sopra una terrina contenente il cioccolato bianco spezzettato, in modo tale da farlo sciogliere.

DSCN1220.JPG

Nel frattempo ho preso un’altra terrina, ho versato la panna da montare e l’ho montata con le fruste elettriche.

DSCN1221.JPG

Quando la panna è risultata montata, ho aggiunto il mascarpone.

DSCN1222.JPG

Poi ho aggiunto lo zucchero, ed in seguito il limoncello. Per vedere la quantità di tale liquore ho scattato una fotografia.

DSCN1223.JPG

DSCN1224.JPG

Quando il cioccolato è risultato sciolto, ho aggiunto al composto, sempre mescolando con le fruste elettriche.

DSCN1225.JPG

Quando il composto è risultato denso, ho aggiunto il cocco grattugiato ed a questo punto ho preso un cucchiaio di legno per mescolare.

DSCN1226.JPG

Ho preso uno stampo da plumcake, l’ho rivestito internamente con la carta trasparente e vi ho versato metà di tale composto.

DSCN1227.JPG

Ho preso una ciotola ho versato metà limoncello e metà acqua.

DSCN1228.JPG

Ho preso i biscotti secchi, li ho spezzettati e bagnati con la soluzione di cui sopra, e poi li ho messi all’interno dello stampo. Ho versato il restante composto, ho preso di nuovo i biscotti, li ho lasciati interi passandoli nella bagna e poi inserendoli sopra la crema. Questo per fare la base del semifreddo. In pratica ho agito in questo modo:

DSCN1229.JPG

Una volta formata la base, ho coperto con carta trasparente ed ho messo in freezer per 3 ore. Passato tale tempo l’ho tolto dal freezer, ho preso una base rettangolare e l’ho tolto dallo stampo di plumcake, rovesciandolo su tale base. Come decorazione ci ho messo ancora del cocco grattugiato sopra e sui bordi di tale dolce.

DSCN1230.JPG

Già solo a guardarlo fa venire l’acquolina in bocca, ma volete vedere l’interno? Eccolo:

DSCN1231

Questa sera l’abbiamo assaggiato, e vi giuro che è stato un successo! Soprattutto a mia madre è piaciuto tantissimo! Anche per questa ricetta io mi sento di ringraziare Benedetta:

Grazie cara Benedetta, sei un angelo che viene dal cielo!

Vi consiglio vivamente di andare a vedere il suo blog ed i suoi filmati su YouTube, è una persona meravigliosa!

 

 

LA MIA PIZZA RUSTICA

DSCN1218.JPG

Rieccomi con un altro bel piattino che è stata proprio una bella trovata! Ho visto questa ricetta dal blog “Fatto in casa di Benedetta”, e devo dire che mi ha proprio ispirato; oltretutto avevo acquistato al supermercato 2 confezioni di pasta sfoglia Buitoni, perché ogni tanto mi diletto anche a preparare qualcosa di diverso sia come secondo piatto sia come contorno sia come dolce con questa sfoglia! Si perché va bene anche per preparare dei piccoli dolcetti, tipo la treccina con al centro il cioccolato fondente che è una vera goduria per il palato.

Insomma, per farla breve io trovo che la sfoglia Buitoni, oltre che ad essere buona è anche molto versatile per preparare stuzzichini, dolcetti e quant’altro. Ma venendo al dunque, per preparare questo piatto non ci ho messo molto, è veramente facile ed oltretutto va bene sia come stuzzichino per un aperitivo, sia come secondo piatto che come contorno. Io naturalmente ho variato qualcosa per quanto riguarda gli ingredienti per il ripieno, optando per un tipo di formaggio dal gusto più delicato (Lei aveva messo la provola, io la scamorza), ed inoltre io ho aggiunto un pochino di sale e della salvia liofilizzata.

Gli ingredienti sono i seguenti:

2 Dischi di pasta sfoglia Buitoni (Io ho usato quella delicata, ma va bene anche quella normale)

Gr. 300 Scamorza a dadini

Gr. 160 Prosciutto cotto a dadini

Q.B. Sale

Q.B. Salvia liofilizzata

2 Uova

Q.B. Latte per spennellare

Per prima cosa mi sono cimentata a preparare il ripieno: ho preso le uova, le ho rotte in una terrina e con una forchetta le ho sbattute.

DSCN1214.JPG

Poi ho preso la scamorza, l’ho tolta dalla confezione e l’ho tagliata a dadini. Ho messo tale formaggio nella terrina con le uova, ho aggiunto anche il prosciutto cotto a dadini, ho cominciato a mescolare e successivamente ho aggiunto il sale e la salvia liofilizzata.

DSCN1215.JPG

Ho continuato a mescolare fino a quando il composto non è risultato omogeneo. A questo punto ho preso il primo rotolo di pasta sfoglia compreso di carta forno, l’ho srotolato, ho preso una teglia e l’ho inserito dentro, compresa la carta da forno. Ho modificato i bordi e poi ho proceduto inserendo il ripieno.

DSCN1216

Ho srotolato il secondo rotolo e per formare il coperchio ho appoggiato la teglia sopra e con un coltello ho tagliato lungo il bordo del fondo della teglia, in questo modo il coperchio è venuto preciso. L’ho messo sopra il ripieno, con la parte restante del primo rotolo ho fatto dei risvolti per coprire tutto quanto affinché non uscisse il ripieno. Dalla pasta sfoglia rimasta ho formato dei cerchietti con un tappo di bottiglia di plastica, e li ho messi prima lungo il bordo della pizza, poi al centro. Quando ho finito di decorare ho preso un biccliere con un pochino di latte ed ho spennellato.

DSCN1217.JPG

Ho acceso il forno, l’ho messo a 180° e quando è risultato ben caldo ho informato per 35 minuti (Sulla confezione della pasta c’era indicato così, ed in effetti non ho sbagliato). Quando è risultata cotta l’ho fatta raffreddare e l’ho messa su di un piatto da portata.

DSCN1218

Già solo a guardarla fa venire l’acquolina in bocca, ma volete vedere l’interno? Eccolo:

DSCN1219.JPG

Che dire? Sia mio padre che mia madre questa sera ne hanno voluto 2 fette, ed anch’io mi sono proprio sentita soddisfatta per quello che ho preparato. E’ perfetta in caso avete degli ospiti eli volete stupire offrendogli questa ricetta come aperitivo, stuzzichino, oppure nel caso non avete voglia di impastare a lungo la potete sempre mangiare come secondo piatto. Anche perché è comunque una ricetta completa, fa anche da contorno!

Anche per questo piatto mi sento proprio di ringraziare una persona:

GRAZIE BENEDETTA, SE UNA GRANDE PERSONA!

Vi consiglio di andare a vedere il suo blog, ed anche di vedere i suoi fantastici video, c’è molto da imparare da lei!

 

 

 

SCALOPPINE DI MAIALE AL LIMONE E SALVIA

DSCN1213.JPG

Sentite già l’estate nell’aria e siete a corto di idee per il pranzo o la cena? Eccovi un secondo piatto facilissimo da preparare ma altrettanto gustoso da mangiare! Ho scoperto questa ricetta dal blog di Benedetta “Fatto in casa di Benedetta” e dal momento che queste fettine di maiale a casa mia sono sempre ben gradite (Sia per fare gli involtini sia per cucinarle in maniera semplice, con un po’ d’aglio e del pomodoro), stavolta ho avvisato i miei familiari che le avrei cucinate in questo modo. Ovviamente il sapore è diverso da quello degli involtini, ma vi assicuro che per questa stagione è veramente indicato questo tipo di cottura: si fa in fretta, ed inoltre queste fettine cucinate in questo modo sono l’ideale per questa stagione perché sono buonissime ed oltretutto leggere.

Gli ingredienti sono i seguenti:

5 o 6 Fettine di lonza di maiale

Q.B. Olio d’oliva

Il succo di 1 limone

Q.B. Farina bianca

1 Pizzico di sale

1 Pizzico di salvia liofilizzata

Per prima cosa ho aperto la confezione delle bistecchine di lonza e le ho infarinate.

DSCN1209.JPG

DSCN1210.JPG

Poi ho preso una padella, vi ho versato l’olio e l’ho fatto scaldare. Ho immerso le bistecchine rosolandole leggermente da ambo i lati.

DSCN1211.JPG

Nel frattempo ho spremuto il succo del limone e l’ho versato in padella. Ho lasciato cuocere ancora per 5 minuti circa. A fine cottura ho aggiunto la salvia liofilizzata.

DSCN1212.JPG

Il risultato finale è stato il seguente:

DSCN1213

Questo secondo piatto è attimo accompagnato con una bella insalata come ho fatto io, oppure con altre verdure crude di stagione. Sono sicura che, chi ha dei pargoli che fanno capricci per non mangiare questo piatto stuzzica il loro appetito: ha un sapore particolare, è di una bontà divina ed inoltre è leggero e facile da preparare!

 

 

SPEZZATINO DI COPPA

DSCN1208.JPG

Questa settimana al supermercato ho acquistato una confezione di 3 bistecche di coppa di suino. Generalmente cucino queste bistecche con dell’aglio, il dado il concentrato di pomodoro ed un cucchiaio di prezzemolo, ma oggi ho proposto di fare una variante: privare tali bistecche dall’osso, e tagliarle in tanti pezzetti per provare a cucinarle tipo spezzatino. Che ci crediate oppure no è stato davvero un successo, ed inoltre il sapore era delicato, la carne è risultata morbida al punto giusto. Se poi si pensa che, con l’aggiunta di 2 patate questo piatto è “Completo” in quanto fa sia da secondo come da contorno…potete ben capire la mia soddisfazione!

Gli ingredienti sono i seguenti:

3 Bistecche di coppa con l’osso

1 Cipolla rossa

1 Dado

Q.B. Olio d’oliva per rosolare

Q.B. Vino

Q.B. Concentrato di pomodoro

2 Patata di media grandezza

1 Cucchiaio di prezzemolo

Per prima cosa ho aperto la confezione di bistecche e da qui si vede come sono adatte per essere cucinate in questo modo.

Poi ho preso una casseruola, ho messo l’olio d’oliva, ho pelato la cipolla e l’ho tritata finemente; una volta tritata l’ho versata nella casseruola, ho acceso il fornello e l’ho fatta rosolare.

Intanto che la cipolla cuoceva, ho suddiviso la carne togliendo alle bistecche la parte con l’osso.

La parte dell’osso l’ho messa nella pentola con la cipolla, e l’ho fatta rosolare da ambo i lati.

Intanto, ho preso la parte carnosa delle bistecche e l’ho tagliata a dadini un po’ grossi.

Ho messo nella casseruola la carne divisa e l’ho fatta rosolare da ambo le parti, aiutandomi con 2 cucchiai di legno in quanto i pezzetti erano tanti.

Ho proseguito aggiungendo il dado, il concentrato di pomodoro ed il vino per sfumare. Ho abbassato la fiamma, ed intanto che tutto cuocesse ho preso le patate, le ho pelate, lavate e tagliate a dadini.

Una volta tagliate le ho aggiunte alla carne ed ho proseguito la cottura per un’ora. Ho aggiunto anche il prezzemolo.

Il risultato finale è stato questo:

Naturalmente mi sono presa i complimenti dai miei familiari! Mio padre mi ha detto “Ho mangiato bene come un re!”. Si riferiva al gusto di questo piatto, la carne era morbida ma saporita, ed il sapore era delicato ma intenso! Quindi un altro esperimento riuscito bene, soprattutto sono stata contenta in quanto ho visto sul volto dei miei cari la gioia per l’approvazione di aver mangiato qualcosa inventato da me ma approvato da loro!