CANEDERLI DI FARINA INTEGRALE CON PROSCIUTTO ED EMMENTHAL

DSCN0977.JPG

Molto spesso ripenso alle mie villeggiature in Trentino, ed allora mi vengono in mente i piatti tipici; i canederli sono un piatto che a me piace molto, ho sempre fatto quelli con la farina normale, ma stavolta ho voluto cambiare. Ed il successo è stato veramente soddisfacente! C’è una frase del Corano (La Bibbia dei musulmani) che dice “Se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto”; questo per dire che, se non si può recarsi in un determinato posto per svariati problemi, bisogna cercare di “Vedere” quel posto attraverso immagini, oppure come faccio io attraverso piatti tipici, insomma, bisogna adoperare la nostra fantasia. Io ad esempio, per problemi legati alla mia famiglia non posso più recarmi in villeggiatura in quella regione (Che fra l’altro adoro), ed allora cerco di “Portare” il Trentino a casa mia attraverso l’arte culinaria.

Per fare questa specialità ho navigato in internet alla ricerca di una ricetta che mi desse una certa soddisfazione, ma ho soprattutto fatto riferimento alla mia fantasia: avevo da tempo un bel po’ di farina integrale, e sfogliando in internet ho trovato una marea di ricette di canederli. Alla fine mi sono affidata alla mia fantasia, ed ho deciso che, per far si che il sapore acquisisse una nota di decisione in più, ho farcito con prosciutto ed emmental. In trentino i tipici canederli sono l’insieme di pane raffermo intriso nel latte e speck; io ho provato questa variante ed il successo è stato veramente strepitoso.

Gli ingredienti per 3 persone sono i seguenti:

2 Rosette di pane (Possibilmente vuote)

1 Bicchiere di latte

Gr. 50 prosciutto crudo

Gr. 75 formaggio emmenthal a fette

1 Uovo

Q.B. Farina integrale

1  Pizzico di sale

Q.B. Salvia liofilizzata tritata

Q.B. Burro da sciogliere per condire

Per prima cosa ho preso i panini, li ho tagliati a dadini, li ho messi in una terrina ed ho aggiunto il bicchiere di latte; con un cucchiaio di legno ho mescolato affinché tutto si assemblasse. Questa operazione l’ho eseguita ieri sera, per far si che tutto si rendesse più compatto; ho poi chiuso con la carta trasparente ed ho messo in frigorifero. Questa mattina ho ripreso tale impasto, ed è risultato così:

DSCN0967.JPG

Ho aggiunto il sale, ed ho mescolato un pochino. Poi ho preso il prosciutto e l’ho tagliato, dividendolo in tante parti.

DSCN0968.JPG

Ho fatto la stessa cosa anche per l’emmenthal.

DSCN0969.JPG

Ho versato prosciutto ed emmenthal nella terrina dell’impasto ed ho cominciato a mescolare.

 

DSCN0970.JPG

Dopo aver mescolato ho aggiunto anche la salvia liofilizzata.DSCN0971.JPG

Ho ripreso a mescolare ed ho aggiunto l’uovo.

DSCN0972

Dopo aver mescolato ho cominciato ad aggiungere la farina integrale a cucchiaiate; ho cominciato a lavorare prima con un cucchiaio di legno, poi, piano piano con le mani. Ho continuato ad aggiungere farina integrale fino a quando, impastando, non ho sentito il palmo della mano non appiccicoso. Ho formato una palla che poi ho diviso in tante palline grandi poco meno che una pallina da tennis.

DSCN0973.JPG

DSCN0974.JPG

DSCN0975

Poco prima di mezzogiorno avevo messo sul fuoco una pentola di acqua con l’aggiunta di una presa di sale grosso. Quando ha raggiunto il bollore ho immerso i canederli e li ho fatti cuocere per 15 minuti. In contemporanea ho messo sul fuoco anche un pentolino con del burro da far sciogliere. Quando sono stati cotti i canederli si sono presentati così:

DSCN0976.JPG

Con l’aggiunta del condimento li ho divisi in quattro parti per uno, affinché prendessero meglio il burro fuso.

DSCN0977

In questo modo il gusto si è sentito di più, ed il successo è stato davvero strepitoso. Io quando mangio i canederli, lo strudel, lo zelten, penso sempre al Trentino, alla bellezza di questa regione, ai suoi rifugi di montagna dove sono andata facendo chilometri a piedi (Chi se ne importava se tornavo in albergo stanca morta, la mia soddisfazione era quella di raggiungere e visitare il rifugio), le strade montuose che percorrevo e che spesso si rivelavano impegnative da percorrere ma che comunque, attraverso tali percorsi, vedevo panorami impagabili. Panorami che ancor oggi rimpiango, ma che comunque sono felice di averli visti.

 

GNOCCHI DI FARINA INTEGRALECON PESTO DI PISTACCHI

DSCN0949.JPG

Da un po’ di tempo avevo in casa la farina integrale, ed oggi ho pensato di fare una sorpresa in casa mia: ho preparato questi gnocchi che, per il suo gusto rustico dovuto alla diversa lavorazione della farina sono stati proprio una vera scoperta. Io poi li ho conditi con il pesto di pistacchi, e vi giuro che, l’assemblaggio tra il rustico degli gnocchi ed il sapore stimolante di tale pesto sono stati un connubio davvero indovinato. Ho optato per la scelta di questo condimento in quanto avevo ancora dei pistacchi che andavano consumati, e siccome la preparazione non prevede nessun tipo di difficoltà (Tranne quella di sbucciarli e pelarli), ho deciso di “Finire” tale frutta secca con la preparazione di questo piatto.

Venendo al dunque gli ingredienti per 3 persone sono i seguenti:

5 Patate piccole (Ma se avete le patate grosse potete prenderne 2)

2 Cucchiai di formaggio grana grattugiato

Q.B. Farina integrale

Gr. 70  pistacchi sbucciati

3 Foglie basilico (Oppure 1 cucchiaio di prezzemolo)

3-4 cucchiai di formaggio grana grattugiato

1 Pizzico di sale

Q.B. Olio di oliva

Per prima cosa ho preso le patate e senza sbucciarle le ho messe a lessare in una pentola con dell’acqua. Una volta lessate le ho sbucciate e passate al setaccio. Ho aggiunto il formaggio grattugiato e, dopo averlo mescolato per qualche secondo con un cucchiaio ho cominciato ad aggiungere la farina integrale.

DSCN0944.JPG

DSCN0945.JPG

Ho cominciato ad impastare con le mani, continuando ad aggiungere la farina integrale, sino a che, con il palmo della mano, ho sentito che l’impasto non risultava ne troppo appiccicoso ma nemmeno duro. Ho formato un panetto.

DSCN0946.JPG

Ho diviso tale panetto in 4 parti, e con ogni parte ho formato una striscia con le mani. Ho tagliato tanti tocchetti piccoli per ogni striscia, poi li ho passati uno ad uno sopra i rebbi di una forchetta.

DSCN0947.JPG

A questo punto mi sono messa a preparare il condimento. Ho sbucciato i pistacchi, li ho tritati nel mixer, li ho messi in un piatto, ho aggiunto il formaggio grattugiato, il prezzemolo e l’olio d’oliva. Ho mescolato con un cucchiaio.

DSCN0948.JPGPoco prima di mezzogiorno ho messo sul fuoco una pentola con dell’acqua salata, e quando ha cominciato a bollire ho versato gli gnocchi. Non appena hanno cominciato a galleggiare li ho ripescati con un mestolo bucherellato. Ho impiattato, ed il risultato a fine opera è stato questo:

dscn0949Che ne dite? Non vi fanno venire l’acquolina in bocca? Vi giuro che sono buonissimi, oltre che veloci da fare. A mio avviso la farina integrale dona un gusto più rustico ai piatti in cui viene usata, ma con l’assemblaggio di altri gusti di stampo deciso si possono preparare dei piatti che sono una vera goduria per il palato. Pensate che anche i miei genitori sono stati pienamente soddisfatti di quello che ho preparato, per loro è stata proprio una graditissima sorpresa!

Gnocchi al gorgonzola

DSCN0888

Oggi ho fatto un esperimento ben riuscito: ho preparato i gnocchi, ma al posto di condirli con il pomodoro li ho conditi con il gorgonzola! Vi giuro che il connubio patata/gorgonzola è veramente riuscito. Avevo già in programma di farli, li ho fatti per me e mia madre, mio padre essendo molto tradizionalista non né ha voluto sapere ma poi, assaggiando i nostri si è pentito. Anzi, dal momento che lui li ha mangiati con il sugo, ma ha pregata di condirli con tale formaggio la prossima volta cheli farò.

Vi dico che, perché il risultato fosse azzeccato, ho messo, oltre al gorgonzola, un cucchiaio di mascarpone,ed ho indovinato alla grande.

Gli ingredienti sono i seguenti per 3 persone:

Per i gnocchi

3 Patate di media grandezza

3-4 cucchiaini di formaggio grana grattugiato

Q.B. Farina bianca

Per il condimento:

1 Cucchiaio di mascarpone

Gr. 100 Gorgonzola

Per quanto riguarda la preparazione degli gnocchi è simile a quella degli gnocchi alla piemontese; l’avevo postata in data 16/06/2012 e ve la riporto qui:

https://rcavallaretto1.wordpress.com/2012/06/16/gnocchi-alla-piemontese/

Per quanto riguarda il condimento ho proceduto in questo modo: ho messo il mascarpone ed il gorgonzola diviso a dadini in una terrina, e li ho mescolati con una forchetta.

DSCN0886

Quando ho messo a bollire l’acqua per immergere gli gnocchi ho messo sopra tale terrina, in modo tale che si sciogliesse tutto, ed infatti è venuta una crema buonissima.

DSCN0887

Quando l’acqua bolliva ho immerso gli gnocchi, e quando sono venuti a galla li ho estratti con un mestolo colapasta (Per intenderci piatto e bucherellato), Li ho messi nella terrina ed ho mescolato con una forchetta. Quando ho versato nei piatti il risultato è stato questo:

DSCN0888 

E’ un piatto che pur nella sua semplicità ha un sapore divino, è semplice ma buonissimo! Come dicevo prima mio padre si è pentito per non averli mangiati; vabbè, la prossima volta che li preparo li condisco in questo modo, così anche lui è contento!

FUSILLI CON FUNGHI, SALSICCIA E PECORINO

DSCN0876

Oggi ho voluto preparare questo primo piatto diverso dal solito; l’idea mi è venuta guardando un blog di Luca Iucci, un cuoco molto bravo che ha un blog; si chiama “Lucachefitaliano” e si trova sempre su wordpress.com.Lui aveva preparato i “Fusilloni con funghi, salsiccia e pecorino” Ho pensato di cucinare questo piatto in quanto ho comprato un quantitativo di salsiccia che per la mia famiglia era troppo abbondante, ed allora ho pensato di aggiungerla allo spezzatino (Pensata molto indovinata), ma anche di cucinarla in questo modo. Tengo a precisare che ho cucinato questo piatto soltanto per me; i miei, visto che era una nuova ricetta, non ne hanno voluto sapere, ma poi dopo averli assaggiati si sono pentiti! Mi hanno pregato di cucinarli per tutta la famiglia la prossima volta che li faccio.

Gli ingredienti per 3 persone sono i seguenti:

Gr. 150 salsiccia di puro suino

Gr. 100 Funghi porcini

Q.B. Olio di oliva

Q.B. Prezzemolo

1 Noce di burro

Q.B. Pecorino romano grattugiato

Q.B. Sale

Per prima cosa ho messo ad ammollare i funghi porcini ieri sera.

Ho preso l’aglio, l’ho tritato e l’ho messo in una padella con l’olio d’oliva.

DSCN0871

Ho suddiviso la salsiccia a tocchetti, ed una volta che l’aglio è stato imbiondito l’ho aggiunta.

DSCN0872

L’ho fatta rosolare , ho salato, poi ho aggiunto un pochino dell’acqua dei funghi. Ho lasciato cuocere a fuoco lento per 10 minuti.

DSCN0873

Ho aggiunto anche i funghi a pezzettini piccoli, ho messo la restante acqua dei funghi ed ho fatto cuocere altri 5 minuti. Ho aggiunto anche mezzo cucchiaio di prezzemolo. Nel frattempo avevo cotto i fusilli, li ho scolati e li ho messi nella padella. Ho aggiunto la noce di burro, ho insaporito e mescolato con 1 cucchiaio e mezzo di pecorino romano grattugiato.

DSCN0875

Alla fine mi sono mangiata questo piatto:

DSCN0876

Che dire? una vera e propria goduria per il palato! Non ho mancato di ringraziare Luca per essere stato la mia musa ispiratrice per un nuovo piatto. E’ veramente semplice da preparare, ma ha un aspetto ed un sapore inconfondibili; assomiglia ai miei fusilli alla boscaiola, ma il procedimento è un pochino diverso; ma comunque questo che importa? L’importante è aver sperimentato un piatto nuovo ma buonissimo!

I MIEI MACCHERONI ALL’AMATRICIANA

DSCN0759

Oggi, per la festa del papà, ho voluto accontentare mio padre preparandogli questo bel piattino! E’ un piatto “Quasi tipico” di casa mia, nel senso che io lo faccio sovente, soprattutto perché è buonissimo ed anche semplice da preparare. E’ molto più buono di un sugo pronto, ed è anche più genuino, ma soprattutto ai miei genitori piace tantissimo.

Gli ingredienti per 3 persone sono i seguenti:

Gr. 210 Maccheroni (Io uso quelli di marca Barilla)

1 Spicchio d’aglio

Gr. 100 Pancetta dolce a cubetti

1/2 Dado

Q.B. Concentrato di pomodoro (Ma se non l’avete basta che prendiate i pomodorini piccoli, li lavate, li tagliate e li frullate nel mixer)

1 Cucchiaio di prezzemolo (O qualche foglia di basilico)

1 Sottiletta

2 Cucchiai olio extravergine d’oliva per rosolare.

 

Per prima cosa ho tritato l’aglio e l’ho messo in una padella media ad imbiondire con l’olio.

DSCN0751

Poi ho preso la pancetta a cubetti, l’ho aggiunta all’aglio e l’ho fatta rosolare un pochino, giusto per cambiare colore.

DSCN0752

Ho preso il concentrato di pomodoro e l’ho aggiunto. Ci ho messo anche il dado. Ho fatto cuocere abbassandola fiamma fino a quando il sugo non è apparso denso (Ma non troppo).

DSCN0753

Quasi a fine cottura ho aggiunto la sottiletta ed il prezzemolo.

DSCN0758

Nel frattempo avevo fatto cuocere i maccheroni in acqua salata, e quando il sugo è apparso denso (Ho fatto la prova del cucchiaio di legno), l’ho spento. Ho scolato i maccheroni, e dopo averli conditi con questo sugo ho distribuito nei vari piatti.

DSCN0759

Che ve ne pare? Ne desiderate 2 virtualmente? Se nel caso non avete il concentrato di pomodoro potete benissimo usare i pomodorini piccoli, tipo ciliegino. Basta che voi li lavate, li tagliate, e per farli cuocere meglio li mettete nel mixer, per tritarli finemente; poi però dovete aggiungere un pochino di zucchero (Giusto la punta di un cucchiaino), per far si di tagliere l’acido. Vi assicuro comunque che questo piatto oltre che semplice è anche buonissimo; mio padre è stato contentissimo perché gli ho preparato questa piccola sorpresa!

I MIEI MACCHERONI ALLA GRICIA

DSCN0736

Oggi ho preparato questo bel piattino, e desidero condividerlo perché, nonostante sia di una semplicità davvero incredibile, è anche di una bontà suprema. Ho desiderato tanto mangiare i maccheroni cucinati in questo modo in quanto li avevo visti su di un video Youtube: una blogger li aveva preparati, solo che secondo me ci aveva messo degli ingredienti che li rendevano molto piccanti, e precisamente il pepe ed il pecorino romano grattugiato. Io ho sostituito questi due ingredienti con della salvia liofilizzata e del parmigiano reggiano grattugiato.

Ma venendo al dunque gli ingredienti per 3 persone sono i seguenti:

Gr. 180 Pasta maccheroni Barilla (A me piacciono questi, ma si può tranquillamente fare questo piatto con gli spaghetti o le penne)

Gr. 100 Pancetta dolce a dadini (La blogger ha usato il guanciale, ma io ho optato per questa scelta che secondo me è più delicata)

1/2 Dado

Q.B. Salvia liofilizzata

Q.B. Parmigiano reggiano grattugiato

Q.B. Olio d’oliva per rosolare

 

Per prima cosa ho preso una casseruola, Vi ho messo l’olio (Non tanto), ed ho messo la pancetta a soffriggere.

DSCN0732

Una volta soffritti ho messo la salvia liofilizzata.

DSCN0733

Nel frattempo ho messo a cuocere la pasta. In questo condimento ho messo anche il parmigiano grattugiato, e dal momento che risultava troppo asciutto ho aggiunto un pochino d’acqua di cottura della pasta.

DSCN0734

Una volta cotti i maccheroni li ho scolati e li ho versati nella padella con il condimento, mescolando con una forchetta ed un cucchiaio per amalgamare tutto.

DSCN0735

Il risultato finale è stato questo:

DSCN0736

Che dire? Se prendete una forchetta e la allungate verso il pc mi promettere di assaggiarli “Virtualmente”? Vi giuro che sono buonissimi! Personalmente usavo la pancetta dolce per preparare i primi piatti tipo “Amatriciana”, ma questo primo piatto mi ha proprio stupita! Si cuoce più in fretta che con il pomodoro, ed è altrettanto buono, vengono soltanto sostituiti alcuni ingredienti ma ne vale la pena.

STRANGOLAPRETI ALLA TRENTINA

DSCN0725.JPG 

Da quando ho postato questo articolo mi sono accorta che non ho inserito le fotografie. Allora oggi, dal momento che ho cucinato questo piatto, ho pensato bene di aggiungere anche le foto per mostrarvi il procedimento di questa divinità del palato. E’ veramente un primo piatto gustoso ma semplice da fare, soltanto che la preparazione è un pò lunghina, ma ne vale veramente la pena.

Gli ingredienti sono i seguenti:

  • 2 Panini tipo rosette
  • 350 Gr. di Spinaci freschi (Per spiegarvi meglio, da una busta di spinaci di un chilo ho fatto tre palline dopo averli lavati, ma nella preparazione ne ho messa soltanto una)
  • 1 Pizzico/i di Sale
  • Q.B. di Farina bianca
  • 1 Uova
  • 1 Bicchiere/i di Latte
  • 2 Cucchiai di formaggio grana grattugiato
Preparazione

 

Ho tagliato i panini a dadini, li ho messi in una terrina con il latte e, mescolando con un cucchiaio di legno, ho fatto in modo che venissero intrisi per intero.Li ho messi in frigorifero per una notte. In pratica, fino a qui, il procedimento era come quello dei canederli tirolesi. Infatti questa preparazione l’ho fatta ieri sera.
Sempre ieri sera ho lavato gli spinaci, e li ho fatti bollire in una pentola con acqua e sale per 5 minuti.

DSCN0715

Li ho scolati e strizzati in modo tale che uscisse l’acqua. Ho formato tre palline di questi spinaci, ma nell’impasto ne ho messa soltanto una.

DSCN0716 DSCN0718

Questa mattina ho preso 1 pallina di questi spinaci, l’ho messa nel mixer ed ho tritato finemente.

DSCN0719

A questo punto ho aggiunto al composto di pane mescolando continuamente con un cucchiaio di legno.

DSCN0720

Ho aggiunto il sale, il formaggio grattugiato l’uovo ed infine la farina.

DSCN0721 DSCN0722

Ho lavorato prima con il cucchiaio di legno poi con le mani affinché ho formato un composto tipo palla.

Con questo composto, ho formato con le mani una striscia lunga, l’ho divisa in tanti pezzetti.

DSCN0723 DSCN0724
Ho messo ad ebollizione una pentola con acqua e sale, ed ho aggiunto gli strangolapreti; quando sono venuti a galla li ho scolati e conditi con la panna.

DSCN0725
Che dire? Il gusto era divino, ed oltretutto sono ottimi anche per chi non ne vuole sapere di mangiare verdura. Vi posso assicurare che, gli spinaci abbinati al pane hanno un gusto veramente ottimo, ed inoltre essendo ricchi di ferro, vanno bene per chi è anemico, o per chi fa fatica a mangiare tale verdura come contorno. Consiglio questo piatto divino soprattutto ai bambini nel caso non vogliono sapere di mangiare verdura in generale; potete fargli mangiare gli spinaci preparando loro questa goduria di piatto!