QUADROTTI RICOTTA E COCCO GRATTUGIATO

DSCN1142.JPG

La seconda novità di ieri è stata questa: dei dolcetti facili da preparare ma profumatissimi e buonissimi. Pensate che questa ricetta l’ho vista su Youtube da una blogger che io seguo molto volentieri: si chiama Benedetta, ed il suo blog si intitola “Fatto in casa da Benedetta”. Lei aveva preparato questi quadrotti mettendoci la scorza grattugiata di 1 limone, io ho preferito cambiare mettendoci il cocco grattugiato.

Gli ingredienti per queste delizie per il palato sono i seguenti:

3 Uova
1 Bustina vanillina
Gr. 60 Amido di mais
Gr. 500 Ricotta
Gr. 50 Cocco grattugiato
Q.B. Zucchero a velo.

Per prima cosa ho preso una terrina, ho rotto le uova, ho aggiunto la vanillina ed ho cominciato  a frullare con uno sbattitore elettrico, aggiungendo gradatamente lo zucchero ed il cocco grattugiato.

 

DSCN1131.JPG

DSCN1132.JPG

 

DSCN1133.JPG

Ho continuato a frullare aggiungendo l’amido di mais.

DSCN1134.JPG

Ho preso un’altra terrina, ho versato la ricotta e l’ho schiacciata un pochino con un cucchiaio.

DSCN1135.JPG

Ho aggiunto la ricotta schiacciata all’impasto precedente, ho cominciato prima a mescolare con un cucchiaio di legno poi, per far si che l’impasto risultasse più compatto, ho preso lo sbattitore elettrico ed ho lavorato tale impasto con le fruste.

DSCN1136.JPG

DSCN1138.JPG

Quando l’impasto è risultato omogeneo, ho preso una teglia rettangolare, l’ho rivestita di carta da forno, mettendo un pochino di burro sui bordi in modo tale che aderisse bene il foglio. Vi ho versato l’impasto preparato.

DSCN1139.JPG

Ho acceso il forno a 180° e quando è risultato caldo ho infornato per 40 minuti. Ho fatto raffreddare ed ho estratto il dolcetto, ho cosparso la superficie di zucchero a velo.

DSCN1140.JPG

Ho cominciato a tagliare in orizzontale ed in verticale, formando dei quadrotti. Praticamente uno di questi quadrotti è questo:

DSCN1142

Come potete vedere, la semplicità di questo dolcetto è veramente enorme, ma vi giuro che la bontà è altrettanto grande. E’ ottimo per una merenda con i vostri bimbi, oppure per un the con gli amici. Per questa ricetta mi sento proprio di dire a questa blogger:

GRAZIE CARA BENEDETTA

 

 

Annunci

TRECCIA DI PASTA SFOGLIA CON CIOCCOLATO FONDENTE

DSCN1124.JPG

Nei giorni festivi a casa mia non manca quasi mai il dolce; ieri, non avendo molti ingredienti in casa, ho pensato bene di realizzare questa bellissima ricetta. Ho detto che non avevo molti ingredienti in quanto è un periodo che ho dovuto fare un pochino la spola tra casa ed ospedale, in quanto mio padre ha avuto un malore 15 giorni fa; è stato ricoverato ed ha dovuto subire un piccolo intervento per l’applicazione di un pacemaker, ora è tornato a casa, è in convalescenza ma sta di nuovo bene. Quindi, come ho detto sopra, non avendo molto nella dispensa ho pensato di stupire i miei cari con questa bella specie di brioche! Pensate che ci vogliono pochissimi ingredienti:

1 Rotolo di pasta sfoglia rotondo

Gr. 150 Cioccolato fondente (A noi in casa piace questo, ma si può benissimo avviare per quello al latte)

Q.B. Latte per spennellare

Q.B. Zucchero a velo

Per prima cosa ho preso la pasta sfoglia dal frigorifero (Ho preso la sfoglia Buitoni, che si conserva anche in frigorifero), l’ho lasciata ammorbidire a temperatura ambiente per 10 minuti, poi l’ho aperta.

DSCN1118.JPG

Ho preso il cioccolato fondente, l’ho aperto e l’ho posizionato in mezza alla sfoglia. Faccio presente che ho preso una tavoletta e mezza, e che fra l’altro la seconda metà si è un pochino spezzata, ma non fa nulla.

DSCN1119.JPG

Con un coltellino a rondelle ho praticato delle striscioline ai lati (12 dal lato sinistro e 12 dal lato destro), ed ho chiuso i bordi nelle parti superiori, avvolgendo la pasta alle estremità del cioccolato.

DSCN1120.JPG

Con le listarelle incise nella pasta ho intrecciato sulla tavoletta di cioccolato, formando così un disegno tipo greca, molto bello da vedere.

DSCN1121.JPG

Una volta intrecciato tutto il dolcetto, rima di essere cotto, è apparso così:

DSCN1122.JPG

Mi sono detta: benissimo, ora mettiamolo in una teglia con la sua carta da forno, ma prima di infornare spennelliamolo con un pochino di latte.

DSCN1123.JPG

Ho acceso il forno a 180°, ho infornato per mezz’ora. Nel frattempo che cuoceva ho anche tritato 2 cucchiai di zucchero nel mixer, per renderlo “A velo”. Una volta cotto e raffreddato ho spolverizzato con lo zucchero a velo, e l’immagine che ho ottenuto è stata la seguente:

DSCN1124

Lo sapete che ho fatto tutto ieri sera, ed i miei genitori non si sono accorti di nulla? Quando hanno visto cosa ho preparato sono rimasti di stucco! Soprattutto perché la preparazione non richiede enormi difficoltà, e questa goduria per il palato, oltre che bella è anche buonissima! Volete vedere l’interno? Eccolo:

DSCN1125.JPGOltretutto la sfoglia è veramente buona. Vi do un consiglio: non sapete cosa preparare ai vostri pargoli per merenda? Questa è proprio una merendina buona, sana, e veloce da preparare! Ma non solo: se avete amici in casa, con questo dolcetto li stupirete tutti quanti.

Plum cake ai fichi secchi

DSCN1117.JPG

E’ la prima volta che mi cimento per cucinare questo dolcetto! Mi è venuta questa idea in quanto avevo i fichi secchi acquistati per fare il “Pan dei morti”, ma naturalmente non li ho usati tutti; così, dal momento che volevo preparare qualcosa di nuovo ho pensato di cimentarmi nel plum cake. Bene devo dire che, dopo aver cercato su internet varie ricette, ed avendo visto che si poteva fare anche con i canditi ho pensato: dal momento che ho i fichi secchi in casa, perché non sostituirli ai canditi? Naturalmente aromatizzando con l’aggiunta di un liquore dal gusto deciso, tipo mandorla. Vi dico subito che ho usato 2 stampi rettangolari a cassetta, in quanto in uno solo non ci stava, ed inoltre, tenendo presente che tale dolce lievita, è decisamente meglio non riempire tali stampi fino all’orlo, ma soltanto fino a metà.

Non vi ho ancora detto nulla sull’origine di tale ricetta: ha origini inglesi, e viene preparata in parecchi modi, tutti però adatti per una merenda con thè (In Inghilterra se non sbaglio, alle ore 17,00 tutti si fermano per prendere un thè accompagnato da pasticcini o dolcetti come questo)

Per preparare questo piatto gli ingredienti che ho usato sono stati questi:

3 Uova

150 Gr. Margarina

150 Gr. Zucchero

100 Gr. Uva sultanina

100 Gr. Fichi secchi

30 Gr. Maizena (Se l’avete, altrimenti non fa nulla, aumentate la dose di farina)

270 Gr. Farina bianca

1 Bustina Vanillina

1 Bustina lievito per dolci

1/2 Bicchiere latte freddo

2 Cucchiai di liquore alla mandorla

Q.B. Zucchero a velo

Per prima cosa ho messo l’uvetta in ammollo e l’ho lasciata per più di 12 ore. Poi l’ho scolata, ed ho aggiunto il liquore. Con un cucchiaio l’ho mescolata per assemblarla e poi l’ho lasciata a macerare per 1 ora.

DSCN1107.JPG

Nel frattempo mi sono cimentata per preparare la base di questo dolce: ho preso i fichi secchi, li ho tagliati a fettine e poi li ho tritati con la mezzaluna.

DSCN1108.JPG

Ho preso 2 terrine; in una vi ho messo i tuorli d’uovo con 100 grammi di zucchero ed il burro, nell’altra gli albumi con lo zucchero restante. Ho lavorato con le fruste il contenuto della prima terrina fino a formare una crema, ed ho montato gli albumi con lo zucchero a neve ben ferma.

DSCN1109.JPG

Ho versato i tuorli montati nella terrina degli albumi, ed ho cominciato a mescolare dal basso verso l’alto in modo tale che il composto si assemblasse bene.

DSCN1110.JPG

Ho aggiunto a cucchiaiate l’amido di mais, la farina e la vanillina, sempre mescolando dal basso verso l’alto.

DSCN1111.JPG

Ho poi aggiunto l’uvetta macerata con il liquore, ed ho mescolato sempre dal basso verso l’alto.

DSCN1112.JPG

Ho aggiunto i fichi tritati.

DSCN1113.JPG

Infine ho aggiunto il lievito fatto sciogliere in mezzo bicchiere di latte freddo.

DSCN1114.JPG

Ho continuato a mescolare dal basso verso l’alto fino a quando il composto non è risultato morbido ma omogeneo. A questo punto ho imburrato 2 stampi di alluminio rettangolari dalla lunghezza di 20 centimetri, e vi ho messo il composto preparato.

DSCN1115.JPG

Ho acceso il forno, l’ho regolato a 180° e quado è stato caldo ho infornato i due stampi ed ho fatto cuocere per 35 minuti. Quando sono stati cotti e sono risultati freddi li ho estratti dagli stampi, ho messo lo zucchero a velo.

DSCN1116.JPG

Vi giuro che a vederli ed a sentire la morbidezza toccandoli con le dita la tentazione di fare un assaggino è stata veramente grande. Comunque ne abbiamo tagliato uno questa sera, e vi giuro che mia madre è stata contentissima di questo dessert; anche perché l’interno è apparso così:

DSCN1117

Che dire? Oltre che belli sono anche buonissimi! Hanno proprio ragione gli inglesi: questo dolce è proprio perfetto per l’ora del thè!

 

RAVIOLI DOLCI

DSCN1102.JPG

Non avete ancora pensato cosa preparare per i Vostri pargoli ad Hallowen? Bene, questi deliziosi dolcetti vi conquisteranno al primo assaggio! Li ho preparati questo pomeriggio per l’onomastico di mia madre, e vi giuro che, oltre che ad avere un aspetto che conquista, li divorerebbe anche la persona meno ghiotta di questa terra! Inoltre sono semplicissimi da fare, gli ingredienti sono i seguenti:

Gr. 200 farina bianca

Gr. 100 Zucchero

Gr. 100 Margarina

1 Uovo ed 1 tuorlo (L’altro albume serve per spennellare)

1 Pizzico di sale

1/2 Cucchiaino di bicarbonato

1 Bustina vanillina

Q.B. Marmellata a piacere

Per prima cosa ho messo in una terrina l’uovo ed il tuorlo, lo zucchero e la margarina.

DSCN1096.JPG

Con una mano ho cominciato a lavorare fino a formare un composto simile a delle briciole grandi ma omogeneo.

DSCN1097.JPG

Ho continuato a lavorare con una mano mentre con l’altra ho aggiunto a manciate la farina, assieme al bicarbonato ed alla vanillina.

DSCN1098.JPG

Una volta aggiunta tutta la farina ho rovesciato il composto sulla spianatoia ed ho continuato a lavorare con due mani; ho formato una palla, l’ho avvolta in una pellicola trasparente e l’ho posta in frigorifero a riposare per 15/20 minuti.

DSCN1099.JPG

Trascorso tale tempo ho ripreso il panetto, e con un mattarello l’ho steso sulla spianatoia, formando uno strato di circa 1/2 centimetro. Ho preso una formina rotonda dal diametro di 7/8 centimetri, e con questa ho ritagliato dei dischi di pasta.

DSCN1100.JPG

Su ogni disco di pasta ho messo circa un cucchiaino di marmellata. Poi li ho chiusi a mezzaluna facendo aderire bene i bordi. Li ho messi su di una teglia.

DSCN1101.JPG

Ho preso un pennello ed ho spennellato la superficie di tali ravioli. Ho acceso il forno, ed una volta caldo ho infornato per 12 minuti (Cioè fino a doratura). Ho sfornato non appena sono stati freddi ed ho messo lo zucchero a velo che avevo preparato in precedenza. Il risultato finale? Eccolo:

DSCN1102

Come avrete potuto vedere, nella foto precedente uno non è venuto bene durante la lavorazione, e quindi quello ce lo siamo mangiato. Vi giuro però che avendo assaggiato quello ci siamo accorti della bontà di queste delizie. Ve le consiglio spassionatamente, se volete li potete preparare per Hallowen; saranno senza dubbio apprezzati dai vostri bambini!

 

SEMIFREDDO DI PAVESINI, COCCO E CIOCCOLATO FONDENTE

DSCN1065.JPG

Lo sapete che i Pavesini, quelli classici, sono ottimi per preparare una miriade di ricette? Tra le tante io, questo pomeriggio ho preparato questa! Avevo un sacco di piatti da preparare, compreso il vitello tonnato, ma questo dolcetto, oltre che ad essere venuto benissimo, non mi ha portato via tanto tempo. L’unica cosa che mi dispiace è che la mia cara fotocamera mi ha dato dei problemi in quanto, quando l’ho aperta mi ha dato un avviso di “Memoria insufficiente”; quindi ho potuto fare soltanto 2 fotografie. Vi giuro però che questo dolcetto non è per nulla difficile da preparare, occorre però avere uno stampo da plumcake normale, oppure fate come ho fatto io che ho preso quelli in alluminio e ne ho adoperati 2. Oltretutto, come potete vedere, oltre che una vera coccola per il palato, questo dolce è anche molto scenografico: sembra appena uscito da una pasticceria, invece è preparato in casa!

Gli ingredienti sono i seguenti:

Gr. 500 Mascarpone

1 confezione di Pavesini

Gr. 200 Panna da cucina

Gr. 150 Zucchero

Gr. 150 Cioccolato fondente + 50 per la glassa

2 Cucchiai di cocco grattugiato + 1 cucchiaio per la glassa

Per prima cosa ho messo il mascarpone nel mixer con lo zucchero, ed ho centrifugato. Poi ho messo tale crema in una terrina ed ho aggiunto la panna da cucina (L’autrice di questo dolce ha messo lo yogurt al cocco, ma io ho optato per la panna da cucina in quanto mi sembrava più adatta ed ho indovinato). Poi ho tritato con la mezzaluna il cioccolato e l’ho versato nel composto, insieme al cocco grattugiato. Ho mescolato energicamente, fino ad ottenere una crema liscia e compatta.

Ho preso i due stampi da plum cake, e li ho foderati con della carta trasparente; ho disposto i Pavesini prima alla base, poi ai bordi. In uno ho versato il composto fino ad arrivare a metà stampo, poi ho disposto di nuovo i Pavesini al centro. Ho riempito di nuovo fino ad arrivare quasi al bordo, ed ho ricoperto con un altro strato di Pavesini. Ho agito così anche per il secondo stampo. Ho poi messo della carta trasparente anche sopra, per ricoprire tutto quanto.

A questo punto ho messo i due stampi in freezer per qualche ora; nel frattempo ho fatto sciogliere il cioccolato restante. L’ho fatto raffreddare, ho ripreso i due stampi, ho tolto la carta trasparente che stava sopra, ho rovesciato il primo stampo su di un piatto ovale;  ho spalmato sopra il cioccolato fondente ed un cucchiaio di cocco grattugiato. Il risultato è stato questo:

DSCN1065

Ma la cosa importante è stato quando, questa sera lo abbiamo assaggiato; il composto è risultato così:

DSCN1066

Vi giuro che questo dolce è veramente buonissimo! Con questa coccola per il palato auguro a tutti quanti di passare un felice e sereno Ferragosto.

I MIEI TARTUFI BIANCHI E NERI

DSCN1030.JPG

Da 2 settimane avevo del cioccolato bianco e fondente in frigorifero, e questo perché, 2 settimane fa, ho fatto una crostata di ricotta con la farcia a forma di zebra. Purtroppo non ho potuto fare le fotografie di questo dolce in quanto la mia macchina fotografica non funzionava (Questo perché la scheda sim era inserita male nella macchina fotografica; io, quando faccio le fotografie, poi per trasferirle su pc estraggo la scheda e la metto nel lettore apposito, e la penultima volta che l’ho usata poi l’ho inserita male nella macchina fotografica). Non potete immaginare quanto mi è dispiaciuto, ma giuro che, non appena potrò, faro questa torta con tanto di fotografie!

Tornando a quanto sopracitato, ho avuto l’ispirazione di fare questi tartufi guardando una ricetta che spiegava come fare i “Bonbons al cioccolato”. Io, pensa che ti ripensa, ed avendo in casa il cocco grattugiato e la granella di mandorle mi sono detta: ma perché non provare a fare i tartufi? E così, oggi pomeriggio, dopo una mattinata abbastanza faticosa, mi sono messa di buona lena ed ho “Sperimentato”; ho ottenuto dei simpatici (Ma soprattutto buonissimi) dolcetti, che solo a vederli viene voglia di leccarsi i baffi.

Gli ingredienti sono i seguenti per 6-7 tartufi bianchi e neri:

Gr. 50 Cioccolato bianco

Gr. 50 Cioccolato fondente

Gr. 60 Zucchero a velo

Gr. 125 Cocco grattugiato

Gr. 100 Granella di mandorle

4 Cucchiai di maizena

1 Cucchiaio di limoncello

1 Cucchiaio di Amaretto di Saronno (Oppure un altro liquore a base di mandorle)

Gr. 70 Margarina

2 Cucchiai di latte (Facoltativo, se capite che l’impasto è omogeneo potete anche non metterlo)

Per prima cosa ho preso il cioccolato bianco, l’ho messo in una terrina con metà margarina divisa a dadini, ho messo tale terrina sopra una pentola contenente dell’acqua, ed ho messo sul fuoco.

DSCN1018.JPG

Nel frattempo ho preso lo zucchero, e per renderlo “A velo”, l’ho messo nel mixer e l’ho tritato in modo tale da renderlo “Finissimo).

DSCN1019.JPG

Quando il cioccolato è risultato completamente sciolto ho preso la terrina, vi ho aggiunto 30 gr. di zucchero a velo, ed ho cominciato ad aggiungere il cocco grattugiato (100 Grammi).

DSCN1020.JPG

DSCN1021.JPG

A metà lavorazione ho aggiunto il limoncello.

DSCN1022.JPG

Ho continuato a mescolare con un cucchiaio di legno, e per ultimo ho aggiunto 2 cucchiai di  maizena. A questo punto ho cominciato a formare delle palline poco più grandi di una noce.

 

DSCN1023.JPG

Nel frattempo ho messo il cioccolato fondente in una terrina con l’altra metà della margarina divisa a dadini. Per farlo sciogliere ho proceduto come sopra descritto, e cioè ponendo tale terrina sopra una pentola con dell’acqua e mettendo sul fuoco.

DSCN1024.JPG

Intanto ho preso le palline di cioccolato bianco e le ho fatte rotolare nel restante cocco grattugiato.

DSCN1026.JPG

Quando il cioccolato fondente si è completamente sciolto l’ho tolto dal fuoco, ho aggiunto lo zucchero a velo ed ho cominciato ad aggiungere la granella di mandorle.

DSCN1027.JPG

A metà lavorazione ho aggiunto l’Amaretto di Saronno.

DSCN1028.JPG

Ho continuato a mescolare con un cucchiaio di legno, ho aggiunto la parte restante della granella di mandorle, ed infino ho aggiunto 2 cucchiai di maizena.

DSCN1029.JPG

Ho cominciato a formare delle palline grandi come quelle fatte con il cioccolato bianco, e dopo averle formate le ho fatte “Rotolare” nel restante cocco grattugiato. Ho preso un piatto ed ho unito tutti i tartufi, alternando i colori. Ho messo in frigorifero a solidificare per  3 ore. Questa sera il risultato è stato il seguente:

DSCN1030

Quando le ho tolte dal frigorifero sono apparse subito ben compatte, e quando i miei genitori le hanno assaggiate sono rimasti meravigliati per la bontà di questi dolcetti. Lo volete un consiglio? Ora che arriva la stagione calda cercate di preparare cose semplici ma con un gusto inconfondibile, e se volete stupire i vostri cori oppure se avete ospiti per una merenda, questi tartufi sono ottimi da offrire come dolcetto.

Continua a leggere

BISCOTTI GIRELLA AL PROFUMO DI MANDORLA

DSCN1016.JPG

Come promesso in precedenza, rieccomi per pubblicare una nuova ricettina. L’intuizione mi è venuta vedendo una ricetta di una blogger che si chiama Misya, e di cui io sono una fanatica seguace. Io però ho fatto delle varianti per quanto riguarda gli ingredienti, anche perché avevo del colorante rosso in polvere che non ho usato per fare il Danubio blu. Quindi, mentre lei ha usato del colorante in tubetto, io ho preso questo in polvere in quanto lo avevo in casa (Ed a casa mia, per quanto riguarda il cibo, non si deve mai buttare via nulla), mentre lei ha usato l’essenza di vaniglia nell’impasto, io ho messo qualche goccia di Amaretto di Saronno, mentre lei ha usato dei confettini di zucchero come decorazione, io ho usato della granella di mandorle. Insomma, ho preso questa ricetta, l’ho personalizzata ed ha fatto la sua bella figura! Ho fatto questo in occasione della “Festa della Mamma”, ma anche per festeggiare il mio compleanno che sarà domani (Quindi 2 feste in coincidenza quest’anno).

Vi elenco gli ingredienti:

Gr. 110 Margarina

Gr. 175 Zucchero

1 Uovo

Gr. 300 Farina bianca 00

Qualche goccia di Amaretto di Saronno

1 Cucchiaino di colorante alimentare rosso (Più o meno)

Q.B. Granella di mandorle.

Per prima cosa ho messo in una terrina lo zucchero con il burro a temperatura ambiente e diviso a dadini.

DSCN1007.JPG

Ho cominciato a lavorare servendomi del cucchiaio di legno, fino a quando il composto non è risultato simile a tante briciole. Ho aggiunto l’uovo e l’Amaretto di Saronno.

 

DSCN1008.JPG

Ho continuato ad amalgamare fino a quando il composto non è risultato denso. A questo punto ho cominciato ad aggiungere 2 cucchiai di farina.

DSCN1009.JPG

Quando ho aggiunto metà della farina ho diviso il composto in 2 parti, prendendo un’altra terrina e versando metà composto. Nella seconda terrina ho aggiunto il colorante rosso.

DSCN1010.JPG

Ho continuato ad aggiungere farina mettendone un cucchiaio da una parte ed uno nell’altra, fino ad esaurimento di questa. Ho formato 2 panetti, uno bianco ed uno rosso.

DSCN1011.JPG

A questo punto, mi sono servita della carta da forno e con un mattarello ho cominciato a stendere prima il panetto bianco, formando una specie di rettangolo, poi quello rosso.

DSCN1012.JPG

Ho sovrapposto il rettangolo rosso su quello bianco, e per fare questo mi sono servita del mattarello, arrotolando tale impasto su questo. Ho fatto combaciare i bordi ed  ho modificato per quanto riguarda l’impasto in eccesso.

DSCN1013.JPG

Con l’aiuto della carta da forno ho arrotolato i due strati, formando un cilindretto. Ho preso la granella di mandorle, e per far si che si ricoprisse l’esterno di tale cilindro l’ho messa ai bordi, facendo così arrotolare a destra ed a sinistra, in modo tale che la granella si appiccicasse bene.

DSCN1014.JPG

Dopo questa operazione ho arrotolato il cilindro nella carta da forno ed ho messo in frigorifero per mezz’ora. Trascorso questo tempo ho ripreso l’impasto, l’ ho scartato ed ho tagliato delle fettine di uno spessore di 1,5 cm circa. Le ho messe su di una placca con la carta da forno.

DSCN1015.JPG

Ho acceso il forno, e quando è stato ben caldo ho infornato a 180° per 15 minuti. Il risultato? Eccolo:

DSCN1016

Che ve ne pare? Non vi sembra una vera ed autentica goduria per il palato? Pensate che, appena sfornati mio padre ne ha voluto assaggiare uno, ed è rimasto soddisfatto di questa bontà. Mia madre li ha assaggiati questa sera ed è stata contenta della sorpresa fatta! Sono queste le piccole gioie della vita; vedere i propri cari che ti apprezzano per gli sforzi che fai nel compiere il tuo dovere.