POLPETTONE AL FORNO CON PATATE

Questa settimana al supermercato ho acquistato la carne di bovino e la salsiccia, ma al posto di fare le polpette, guardando su internet, ho deciso di fare il polpettone al forno. Nella ricetta di Benedetta, come farcitura c’erano gli spinaci e le uova sode, ma io ho optato per qualcosa di più semplice, farcendolo con della mortadella.

Devo dire che, per essere la prima volta che cucino questo piatto mi sono trovata soddisfatta! E’ venuto buonissimo pur se semplice, anche ai miei familiari è piaciuto tanto. Ho scoperto che si può mangiare sia caldo che freddo, ma io sinceramente lo preferisco caldo. Inoltre è anche versatile come ricetta: si può farcire con salumi, verdure, uova, ecc.

Gli ingredienti per questa ricetta sono i seguenti:

  • Gr. 400 Carne trita di suino
  • Gr. 200 Salsiccia di suino
  • 1 Spicchio d’aglio
  • 1 Cucchiaio prezzemolo
  • 1 Uovo
  • Q.B Sale
  • 3 Cucchiai di pane grattugiato
  • 4 Fette di mortadella
  • 3 Patate di media dimensione
  • Q.B. Olio d’oliva
  • Q.B. Rosmarino tritato

Ho iniziato mettendo in una terrina la carne trita e la salsiccia, aggiungendo il prezzemolo, l’aglio tritato ed il sale.

Ho mescolato tutto con una forchetta, poi ho proceduto aggiungendo l’uovo ed il pane grattugiato.

Ho continuato a mescolare affinché tutto si assemblasse, poi ho preso due fogli rettangolari di carta da forno. Ho versato il composto su uno di questi, dandole la forma di un rettangolo (Anche se gli angoli non sono ben definiti non importa.

L’altro foglio l’ho appoggiato sopra, e con il mattarello ho “Steso” l’impasto. L’ho farcito con la mortadella.

Per arrotolare l’impasto mi sono aiutata con la carta da forno; una volta arrotolato l’ho chiuso ai bordi. Ho preso una padella rettangolare è l’ho unta d’olio d’oliva alla base. Per mettervi il rotolo ho tagliato la carta da forno per il lato lungo, in modo tale da non dover staccare il polpettone.

Ho preso le patate, le ho sbucciate, lavate e tagliate a piccoli pezzetti. le ho versate nel tegame insieme al polpettone. Ho salato, ho preso il rosmarino, l’ho lavato, tritato, ed aggiunto nel tegame insieme al resto degli ingredienti. Prima di infornare ho dato una passata di olio d’oliva sul polpettone con un pennnello da cucina.

Ho acceso il forno, e quando è stato ben caldo (La temperatura deve essere di 180-200°), ho infornato per 45 minuti. Il risultato a pranzo è stato il seguente:

Quando l’ho assaggiato per me è stato un tripudio di sapori con un bel connubio! Naturalmente ci sono delle varianti (Ad esempio in una ricetta vista sul web c’era la pancetta coppata sopra il polpettone, per fare in modo che la parte superiore non si seccasse; io invece per evitare questo inghippo l’ho spennellato con l’olio), ma ho preferito optare per la semplicità, e mi sono trovata soddisfatta. Il contorno di patate al forno poi è stato veramente l’ideale, è stato un vero successo!

SPEZZATINO DI POLLO AI FUNGHI PORCINI

Questa settimana ho acquistato al supermercato una confezione di mini filetti di pollo. A dir la verita pensavo di preparare l’insalata di pollo, ma visto che il tempo non è molto caldo (Ci sono stati 3 giorni di pioggia e di umido), ho optato per questa ricetta che ho visto su internet. Io ho fatto delle varianti, perchè nella ricetta originale la carne veniva sfumata con il vino bianco, le spezie erano il timo ed il pepe; al posto del vino bianco ho preparato il brodo classico, ed ho sfumato il pollo con questo ed un pochino di acqua dei funghi porcini, ed ho sostituito il timo con il basilico.

Per preparare questa ricetta gli ingredienti sono i seguenti:

  • 1/2 Tazza di funghi porcini;
  • 1 Cipolla rossa
  • Gr. 350 Mini filetti di pollo;
  • 1 Pentolino d’acqua + 1 dado Star classico (Per il brodo)
  • Q.B. Farina per impanare
  • 2 Cucchiai panna da cucina
  • 4-5 Foglie di basilico
  • Q.B. Olio extravergine di oliva per soffriggere
  • 2 Cucchiai panna da cucina

Ho cominciato mettendo i funghi in una tazza ed aggiungendo acqua tiepida (L’ho fatto questo pomeriggio, affinchè si ammorbidissero).

Ho preso i filetti di pollo e li ho disposti su di un tagliere.

Li ho tagliati a pezzettini e poi li ho passati nella farina.

Li ho lasciati un pà nella farina affinchè questa venisse assorbita da loro. Nel frattempo ho tritato la cipolla e l’ho versata in una casseruola con l’olio d’oliva. Ho messo sul fuoco per soffriggere la cipolla.

Quando è risultata cotta ho aggiunto i filetti di pollo tagliati ed impanati. Li ho fatti rosolare da tutte le parti, rivoltandoli con un cucchiaio di legno.

Ho proseguito aggiungendo il brodo ed un pochino di acqua dei funghi. In seguito ho aggiunto il basilico a pezzetti.

Ho fatto cuocere per 15 minuti affinchè tutto si rapprendesse, ho aggiunto la panna da cucina.

Ho fatto cuocere altri 5 minuti poi ho spento. Il risultato è stato questo quando ho impiattato:

Solo a vederlo fa venire l’acquolina in bocca! Io naturalmente, per non fare tardi, l’avevo fatto cuocere ieri sera, ma vi giuro che è buonissimo! Inoltre, proprio perchè si tratta di una carne bianca, non necessita di tempi lunghi di cottura, come un normale spezzatino di manzo; in pratica in mezz’ora o poco più è cotto.

Se avete dei bimbi piccoli provate a cucinare questo piatto per loro: ne saranno veramente contenti!

UOVA ALLA CONTADINA IN PADELLA

Oggi ho voluto preparare questo secondo piatto in quanto, avendo 1 solo uovo nella dispensa, non sapevo come cucinarlo. Guardando su internet ho trovato questa ricettina, che mi ha subito attratta e colpita. Naturalmente ho preparato questo piatto per me soltanto, in quanto non bastava per 3 persone; i miei genitori hanno mangiato spaghetti al sugo di pomodoro e basilico.

Ma venendo al dunque, gli ingredienti per questa leccornia sono i seguenti:

  • 1 Uovo;
  • Q.B. Salsa di pomodoro;
  • 1 Spicchio piccolo di aglio;
  • Olio extravergine di oliva;
  • Q.B. Basilico tritato;
  • 1/2 dado.

Per prima cosa ho pelato l’aglio, l’ho tritato e l’ho messo in un pentolino con l’olio. Ho portato tutto sul fuoco a soffriggere.

Quando l’aglio è apparso imbiondito, ho aggiunto la salsa di pomodoro con il dado.

Quando il condimento è apparso denso (Prova con cucchiaio di legno), ho aggiunto l’uovo aprendolo e facendolo rimanere intero. Ho anche aggiunto il basilico tritato sopra l’uovo.

Ho fatto cuocere per 5 minuti, affinchè l’albume non è risultato cotto, mentre il tuorlo deve rimanere morbido. Passato questo tempo ho impiattato.

Vi giuro che con questo secondo piatto è molto facile fare la “Scarpetta” con il pane: si può intingere il pane nel sugo oppure nel tuorlo d’uovo. Le uova alla contadina generalmente vengono cotte al forno, ma accendere il forno in questo periodo è veramente sconsigliato; quindi il mio consiglio, se avete uova che vi avanzano, cucinatele in questo modo. E’ una ricetta veloce ma squisita.

STRUDEL SALATO CON RICOTTA E SPINACI

Buona Pasqua a tutti!

Ieri ho impegnato metà pomeriggio nel preparare vari antipasti, e tra questi c’è anche questo strudel. Lo sapete che lo strudel si pu fare anche salato? Personalmente io l’o sempre fatto come dolce, preparando anche la sfoglia (Che si chiama carta d’angelo, se non ricordate la mia ricetta ve la allego qui: LA SFOGLIA PERFETTA PER UNO STRUDEL DIVINO!

La settimana scorsa, la blogger Benedetta Rossi ha pubblicato un video sullo strudel salato, e per me è stato amore a prima vista. Non è difficile da preparare, basta avere un rotolo di pasta sfoglia rettangolare, le verdure (Io ci ho messo gli spinaci, mi piacciono tantissimo), del formaggio grana grattugiato, la ricotta, sale, salvia liofilizzata ed 1 uovo. Lei aveva messo ingredienti un pochino diversi (Erbette al posto degli spinaci e noce moscata al posto della salvia). Ma a parte questo, la bontà di questo strudel mi ha subita conquistata (E non solo io, anche la mia famiglia).

Per preparare questa delizia per il palato gli ingredienti sono i seguenti:

  • 1 Rotolo rettangolare pasta sfoglia (Personalmente io consilio la Buitoni, la vedo ottima per torte salate o antipasti)
  • Gr. 250 Ricotta
  • Gr. 500 Spinaci
  • 2 Cucchiai formaggio grana grattugiato
  • 1 Uovo
  • Q.B. Sale
  • Q.B. Salvia liofilizzata
  • 1 Tuorlo d’uovo per spennellare

Per prima cosa ho iniziato prendendo gli spinaci, mondandoli, lavandoli e facendoli lessare in acqua salata. Una volta lessati li ho scolati e strizzati, li ho tagliati un pochino e li ho messi in una terrina

Ho aggiunto la ricotta ed ho mescolato con una forchetta. Poi ho continuato aggiungendo il grana grattugiato, il sale, la salvia ed infine l’uovo.

Ho continuato a mescolare con la forchetta affinchè l’impasto non è diventato omogeneo. Ho preso la sfoglia e l’ho stesa sul ripiano del tavolo, srotolandola e tenendo la sua carta da forno.

Ho messo il ripieno al centro, distribuendolo su tutta la superficie centrale.

Aiutandomi con la carta da forno ho richiusola pasta sfoglia, sigillando bene le estremità. Ho spennellato con il tuorlo d’uovo ed o messo tutto quanto in una casseruola.

Ho acceso il forno, e quando è stato ben caldo ho infornato a 180° gradi per mezz’ora. Il risultato è stato il seguente:

Volete vedere l’interno? Eccolo:

A pranzo l’abbiamo assaggiato come antipasto, e vi giuro che è di una bontà divina. Inoltre va benissimo anche come secondo piatto, o come spuntino. Oltre che buono è anche facile da fare, si prepara in pochissimo tempo.

Un consiglio: gli spinaci lessateli mezza giornata o una giornata prima. In questo modo vi anticiperete sui tempi.

TORTA RUSTICA SPECK E PATATE

Avete poco tempo e non sapete cosa cucinare? Questa ricettina è proprio quello che fa per voi! L’ho scoperta sul blog https://www.fattoincasadabenedetta.it, il sito di Benedetta Rossi che io seguo molto volentieri; lei è una persona che, con la sua semplicità prepara piatti buonissimi, c’è veramente molto da imparare da lei!

Ho deciso di preparare questa torta salata perchè non volevo mangiare sempre il solito secondo piatto (Carne o formaggio), ed inoltre credo di essermi concessa un piccolo “Peccato di gola” dopo un fine settimana veramente pesante a causa di un incidente domestico: venerdì notte 12/03/2021 mi è letteralmente crollata addosso la scrivania che era in camera mia! Fortunatamente io non mi sono fatta nulla, a parte qualche graffio in fronte e sulle braccia, ma comunque ho preso un bello spavento!

Tornando al noi questa torta è semplice ma di una bontà divina! N aturalmente io ho fatto delle varianti per quanto riguarda gli ingredienti: lei ha preparato la “Pizza ristica speck e patate” e nella sua ricetta ha messo la provola, io invece ho messo il formaggio filante tipo Galbanino; lei ha insaporito con origano io con salvia liofilizzata. Gli ingredienti sono i seguenti:

  • Gr. 500 Patate (Due patate grosse)
  • Gr. 80 Speck
  • Gr. 100 formaggio filante
  • 1 Rotolo pasta sfoglia
  • Q.B. Sale
  • Q.B. Salvia liofilizzata
  • Q.B. Olio di oliva

Ho cominciato prendendo lo speck e mettendolo sul tagliere.

Ho tagliato lo speck in tanti pezzetti di media grandezza, ho preso una padella e vi ho aggiunto l’olio d’oliva e lo speck; ho messu sul fuoco a rosolare.

Nel frattempo ho preso le patate, le ho pelate e lavate.

Le ho tagliate in tanti pezzetti piccoli ma dallo spessore sottile; questo perché dovevano essere aggiunte nella padella con lo speck.

Ho versato le patate con lo speck, le ho assemblate con un cucchiaio di legho ed ho aggiunto un pò di sale.

Ho lasciato continuare la cottura girando ogni tanto con il cucchiaio di legno; ho aggiunto la salvia liofilizzata.

Nel frattempo ho preso il formaggio filante e l’ho diviso a dadini.

Ho preso il rotolo di pasta sfoglia, l’ho tolto dalla confezione, l’ho srotolato e l’ho inserito in una tortiera, insieme alla carta da forno che lo conteneva.

Ho versato all’interno di questo il ripieno di patate e speck, e sopra di questo ho versato il formaggio filante.

Con una rondella ho tolto i bordi che erano in eccesso, e con questi ho fatto le strisciole a grata come quelle di una normale crostata. Ho messo tali strisce sopra il ripieno come decorazione.

Ho acceso il forno e regolato a 200°; quando è risultato caldo ho infornato per 35 minuti. Il risultato della cottura è stato il seguente:

Vi ho fatto venire l’acquolina in bocca? Vi provoco di più mostrandovi l’interno di questo bel piattino:

Questa ricetta è ottima da mangiare come secondo piatto, ma anche come antipasto o per uno spuntino con amici se si desidera qualcosa di sfizioso ed appetibile. Se lo farete assaggiare ai vostri amici vedrete che apprezzeranno molto e vi chederanno il procedimento per preparare questo piatto.

INVOLTINI CON RIPIENO DI SALSICCIA E PANE GRATTUGIATO

In casa mia, tra i secondi piatti che vengono più quotati (Nel senso che piacciono molto), ci sono gli involtini di carne. Io li faccio spesso, ma stavolta il ripieno è stato differente dal solito. Questo perchè, dal momento che al supermercato ho acquistato una grossa quantità di salsiccia (E questo non solo per mangiarla ma per creare ‘impasto della ricetta scritta ieri), ho pensato che, parte di questa poteva essere benissimo adatta per il ripieno degli involtini. Generalmente, gli involtini li faccio con un ripieno di mezza fetta di mortadella e mezza fetta di emmental per involtino, ma stavolta ho pensato di variare, e così ho fatto un impasto con salsiccia, pane grattugiato, olio d’oliva e prezzemolo.

Pr fortuna che ho avuto questa bella idea, soprattutto perchè questa mattina ho avuto un guasto in casa: lo scaldabagno è andato in tilt, a causa della batteria scarica! Fortunatamente l’idraulico, dopo averlo chiamato, è arrivato in mattinata, ed ha risolto il problema.

Venendo al dunque, gli ingredienti per questa ricetta sono i seguenti:

  • 6 Fettine di tagliata di lonza
  • Gr. 100 Salsiccia di suino
  • 2 Cucchiai di pane grattugiato
  • 1 Pizzico di sale
  • Olio d’oliva per l’impasto e per la cottura
  • Prezzemolo tritato per l’impasto e per la cottura
  • 1 Spicchio d’aglio
  • 1 Dado
  • Q.B. Concentrato di pomodoro
  • Q.B. Vino per sfumare

Innanzitutto ho preso la salsiccia, ho levato la pelle e l’ho messa in un piatto.

Con una forchetta l’ho schiacciata un pochino in modo tale da renderla più uniforme. Ho aggiunto il pane grattugiato, il sale, l’olio d’oliva ed un cucchiaio di prezzemolo.

Ho mescolato tutto quanto con una forchetta in modo tale da ottenere un impasto omogeneo. Ho preso le fettine di lonza.

Ho steso su un tagliere una fettina per volta, ho messo parte del ripieno su ogni fettina.

Ho arrotolato ogni fettina col ripieno prendendole dal lato corto, e chiudendole con uno stuzzicadenti sotto l’estremità. Ho proceduto tritando l’aglio, o preso una pentola, vi ho versato l’olio d’oliva e gli involtini, e sopra di essi ho messo l’aglio tritato. Ho procedutto soffriggendoli da tutte le parti, ho aggiunto il dado, la salsa di pomodoro ed il vino per sfumare. Una volta sfumati ho abbassato la fiamma ed aggiunto un cucchiaio di prezzemolo tritato.

Ho fatto cuocere a fuoco lento per circa mezz’ora.

A pranzo, quando sono stati serviti, sono apparsi così:

Non vi fanno venire l’acquolina in bocca? Quando li abbiamo assaggiati erano di una bontà divina! Vi consiglio di farli se avete della salsiccia e non sapete come usarla; sono veramente strepitosi!

SBRICIOLATA DI PATATE SALSICCIA E FORMAGGIO PROVOLONE

Questa settimana, al supermercato ho acquistato una buona quantita di salsiccia; avevo in mente di preparare questo bel piattino la settimana scorsa, ma ho avuto alcuni problemi in famiglia e quindi ho rimandato tutto a questa settimana.

Questa ricetta l’ho vista sul blog di Benedetta Rossi, la food blogger di cui vi ho parlato in precedenza: ha anche pubblicato questo piatto su Youtube, e vi giuro che dopo aver seguito tutti gli ingredienti e la preparazione mi sono subito detta: la devo fare! Ed infatti eccomi qui a scrivere sul mio blog questa ricetta e le fasi della preparazione. Io però ho fatto qualche variante (Lei ci aveva messo la mozzarella per pizza, io ho preferito il formaggio provolone; inoltre nell’impasto lei aveva messo la noce moscata, io la salvia liofilizzata, ed anche le quantità degli altri ingredienti l’ho un pochino cambiata)

Gli ingredienti sono i seguenti:

  • Gr. 500 Patate
  • Gr. 150 Farina bianca
  • 1 Uovo
  • Q.B. Sale
  • 1 Pizzico salvia liofilizzata
  • Gr. 40 Formaggio grana grattugiato
  • Q.B. Pangrattato
  • Gr. 170 Salsiccia
  • Gr. 100 Provolone a dadini
  • Q.B. Olio d’oliva per soffriggere

Per prima cosa ho messo le patate in una pentola, vi ho aggiunto l’acqua, e le ho messe sopra il fornello a lessare.

Poi ho preso la salsiccia, le ho tolto la pelle, ho preso una casseruola con dell’olio di oliva, vi ho aggiunto la salsiccia sbriciolata; ho portato la casseruala suo fuoco per far soffriggere la salsiccia. Mentre soffriggeva ho aggiunto un pizzico di sale.

Ho preso il provolone, l’ho tagliato a dadini e l’ho messo in un contenitore.

Quando le patate sono risultate lessate le ho tolte dal fuoco, le ho sbucciate, e con uno schiacciapatate le ho setacciate dentro una terrina. Ho aggiunto un pò di sale de il grana grattugiato, sempre mescolando con una forchetta.

Ho proceduto aggiungendo la salvia e l’uovo.

Per ultimo ho messo la farina.

Ho preso una tortiera, l’ho foderata tutta con carta da forno ed ho iniziato a mettere l’impasto appena preparato prendendo tra le mani qualche fiocchetto per volta e compattandolo bene sul fondo. Ho messo metà impasto, poi ho aggiunto la salsiccia e il provolone.

Con l’altra metà dell’impasto ho ricoperto tutto, distribuendo dei piccoli pezzettini per volta in modo tale da coprire tutta la superficie. Per ultimo ho acciunto un pizzico di pane grattugiato.

Infine ho acceso il forno, e quando ha raggiunto la temperatura di 200 gradi ho infornato e fatto cuocere per 35 minuti. Il risultato è stato il seguente:

Volete vedere l’interno? Eccovi accontentati:

Per questo piatto mi sento di dire un grosso

GRAZIE BENEDETTA

GRAZE BENEDETTA

PIZZA AL FORMAGGIO FILANTE E SPECK

Da parecchio tempo non mangiavo la pizza, ed oggi ne avevo proprio voglia! Il problema è che a casa mia non la preparavo più perchè i miei genitori volevano sempre la focaccia al formaggio fino a pochi mesi fa, poi hanno optato per i soliti primi piatti (In genere spaghetti al sugo od al pesto).

Quindi, l’ultima volta che sono andata a fare la spesa, ho pensato bene di non acquistare più il lievito di birra, perchè questo tipo di lievito va bene per le pizze/focacce di più persone: dovendo scegliere di preparare la pizza solo per me ho acquistato il lievito Mastro Fornaio della Paneangeli, adatto per le porzioni grandi e piccole di questi impasti. Questo tipo di lievito è in bustina, e quindi è più facile da sciogliere nell’acqua tiepida.

Gli ingredienti per l’impasto sono i seguenti:

  • Gr. 250 Farina bianca;
  • 1 Bustina lievito Mastro Fornaio Paneangeli;
  • 2 Cucchiai olio extravergine oliva
  • 1 +1/2 Cucchiaino di zucchero (Con questo tipo di lievito e obbligatoio metterci lo zucchero anche per i salati);
  • 1 Cucchiaino di sale
  • 1/2 Bicchiere acqua tiepida (Per far sciogliere il lievito con il sale).

Per la farcitura gli ingredienti sono stati questi:

  • 2 Cucchiai olio extravergine oliva;
  • Q.B. Concentrato di pomodoro co sale
  • Gr. 100 Formaggio filante tipo Galbanino
  • 3/4 Fette speck
  • Q.B. Origano

Ho iniziato mettendo la farina e lo zucchero in una terrina. Li ho assemblati con un cucchiaio di legno.

Poi ho messo il lievito secco in mezzo bicchiere di acqua tiepida. L’ho fatto sciogliere aggiungendo un cucchiaino di sale. Una volta sciolto l’ho aggiunto alla farina, insieme all’olio d’oliva.

Ho impastato tutto prima aiutandomi con un cucchiaio di legno, poi con le mani. Ho ottenuto un impasto non appiccicoso che ho coperto con un canovaccio. Ho lasciato lievitare per mezz’ora, ma vanno bene anche 40 minuti.

Intanto ho preparato 2 ciotoline: in una ho messo il concentrato di pomodoro ed un pochino di sale, nell’altra ho messo il formaggio filante tagliato a cubetti. Quando è risultato gonfio ho preso una pentola da forno rettangolare, l’ho unta di olio, ho preso il mattarello, ho steso la pasta per darle una forma tondeggiante, l’ho versata intale contenitore. Ho versato sopra l’olio d’oliva, il concentrato di pomodoro distribuendolo bene su tutto l’impasto ed il formaggio a cubetti. Infine ho preso lo speck a fettine, l’ho tagliato a pezzi grossi, e l’ho aggiunto sopra il formaggio filante.

Poi il tocco finale con l’origano:

Ho acceso il forno a 180° e quando è stato caldo ho infornato per mezz’ora. Il risultato finale è stato questo:

A mezzogiorno quando l’ho assaggiata sono stata veramente soddisfatta! Ho finalmente esaurito la mia voglia di pizza, ed oltretutto vi giuro che il connubbio formaggio filante/speck è veramente indovinato! Provate a fare la pizza con questi semplici ingredienti, vedrete che rimarrete soddisfatti.

LA TRIPPA DI CASA MIA

Con l’inizio della stagione autunnale questo piatto in casa mia non può mancare. E’ un piatto tipico delle regioni Lombardia e Veneto, ed è veramente buonissimo. Molto spesso io tendo sempre a cercare piatti un pochino diversi dalla tradizione lombarda, ma non perchè non ami l’arte culinaria della Lombardia, ma perché sono dell’idea che la tradizione non deve radicalizzare le persone: ci vuole l’incontro di diverse culture culinarie, ed il rinnovo della tradizione a mio avviso è giusto che avvenga.

Per la preparazione di questo piatto gli ingredienti sono i seguenti:

  • Gr. 500 circa di trippa tagliata
  • 1 Cipolla rossa grande
  • 4/5 Gambi di sedano
  • 1+ 1/2 Dadi
  • Q.B Olio extravergine d’oliva per soffriggere
  • Gr. 100 Fagioli borlotti
  • Q.B. Concentrato di pomodoro
  • Q.B. Vino per sfumare

Ho iniziato prendendo la cipolla, l’ho pelata, divisa in 4 parti e poi tritata.

Una volta tritata, ho preso una pentola, vi ho messo l’olio d’oliva ed il trito di cipolla, ho acceso il fornello e l’ho messa a soffriggere.

Ho continuato la preparazione prendendo il sedano, lavandolo e tagliandolo a dadini.

Ho versato il sedano nella pentola con la cipolla, ed ho continuato a far soffriggere.

A questo punto ho preso la trippa , l’ho tagliata a pezzetti piccoli (Era già tagliata ma a pezzi un pochino grossi), l’ho versata nella pentola, ci ho aggiunto i dadi, il concentrato di pomodoro ed il vino per sfumare.

Ho abbassato la fiamma e fatto cuocere per 1 ora e 30 minuti. Poco prima di finire la cottura ho aggiunto i fagioli (Esattamente 15 minuti prima).

Finita la cottura ho spento i fornelli ed ho impiattato. Una volta impiattata la trippa, ho messo sopra del formaggio grana grattugiato, perchè ne esalta il sapore. Comunque il risultato finale è stato il seguente:

Non vi fa venire l’acquolina in bocca? Inoltre è indicato per questa stagione! Vi do un consiglio: se dovete cucinare questo piatto preparatelo il giorno prima, perchè è uno di quei secondi/contorni che, se fatti il giorno antecedente il loro sapore diventa migliore.

SOVRACOSCE DI POLLO AL LATTE

Oggi ho pensato che il pollo, essendo una carne bianca, se cucinato con il latte, sarebbe stato un vero trionfo. Ed infatti così è stato! Avendo acquistato le sovracosce questa settimana non volevo cucinarle in umido con il pomodoro (Fare sempre gli stessi condimenti a lungo andare stanca); quindi, dopo aver dato una sbirciatina in internet cercando un modo su come cucinare tale carne, ho visto che si può cucinarla benissimo con il latte, dopo averla impanata con la farina.

Venendo al dunque gl ingredienti sono i seguenti:

3 Sovracosce di pollo di media grandezza

1 Spicchio d’aglio

Q.B. Burro

Q.B. Latte (Deve essere a metà delle sovracosce quando è in pentola)

1 Cucchiaio di prezzemolo tritato

Q.B. Sale

1/2 Tazzina di brodo

Ho comincoato mettendo il burro in una casseruola e facendolo sciogliere. Poi ho aggiunto l’aglio tritato.

Ho preso le sovracosce ed ho tolto la parte grassa in eccesso.

Le ho passate nella farina e poi le ho aggiunte al burro ed aglio.

Le ho fatte rosolare da tutte le parti poi ho aggiunto il latte ed il sale.

Ho fatto cuocere per mezz’ora allungando con il brodo, poi ho aggiunto il prezzemolo.

Ho fatto cuocere ancora per 10-15 minuti ed alla fine il risultato è stato questo:

Vi giuro che il gusto delicato che ha dato questo condimento è stato un vero successo! I miei familiari che, come al solito, sono scettici, si sono dovuti ricredere, tanto era goduriosa questa pietanza. Mi hanno pregato di cucinarle qualche volta, preche il risultato è stato veramente ottimo.

Inoltre io credo che, il pollo cucinato in questo modo piacerebbe molto anche ai bambini; è una pietanza con un condimento semplice ma veramente buono.