GIRELLE E TRECCIA “PASQUALINE”

GIRELLE PASQUALINE.
TRECCIA PASQUALINA

Eccomi a proporvi due ricette che possono essere ottimi antipasti ma anche piacevoli stuzzichini: ho avuto questa brillante idea questa settimana, proprio in occasione della Santa Pasqua. Ho pensato bene di prendere gli spinaci, la ricotta e le uova per preparare stuzzichini diversi dal solito, e così eccomi qui a descrivere questi due deliziosi piatti pasquali.

Anche per quanto riguarda l’impegno non è stato molto: giusto per preparare un panetto di pasta che ho diviso in due, e per quanto riguarda la preparazione della pasta mi sono riferita a quelle che ho preparato a Natale, l link lo trovate qui:https://rcavallaretto1.wordpress.com/2017/12/24/girelle-salate-ripiene-di-affettato-e-verdure/

Per quanto riguarda gli ingredienti sono i seguenti:

Per la pasta sono gli stessi del link che ho messo prima.

Per il ripieno gli ingredienti sono i seguenti:

Gr. 500 Spinaci

Gr. 250 Ricotta

4 Uova

1 Pizzico Sale

Q.B. Formaggio grana grattugiato.

Ho preparato prima il panetto di pasta, e per questo non ho fatto nessuna fotografia: l’ho messo a lievitare e nel frattempo ho preso gli spinaci che avevo sbollentato e strizzato questa mattina-

Ho tritato gli spinaci nel passaverdure ed ho aggiunto la ricotta. Ho anche messo a bollire le uova.

Ho mescolato tutto con un cucchiaio di legno aggiungendo il sale. Per ultimo ho aggiunto il formaggio grattugiato.

Ho preso il panetto e l’ho diviso in 2 parti: la prima parte l’ho stesa con il mattarello formando un rettangolo. Vi ho messo meta ripieno e 2 uova cotte e tagliate a pezzettini.

Ho arrotolato dal lato lungo e poi ho tagliato formando girelle di 2 cm circa.

Ho preso una casseruola rettangolare con carta da forno, ho messo dentro le girelle ed ho infornato a 180° per 40 minuti circa.

Nel frattempo ho preso il secondo panetto, l’ho steso con il mattarello, ho messo al centro il ripieno e le due uova divise a metà, formando una specie di striscia.

Per chiudere il secondo panetto ho formato delle striscioline laterali con un tagliapasta, e poi le ho intrecciate mettendole una sopra l’altra, da sinistra a destra.

Ho preso un’altra casseruola con carta da forno, ho infornato a 180° per 35 minuti. I risultati sono i seguenti

Che dire? Sono contenta di aver realizzato 2 antipasti in poco tempo, piatti che oltretutto fanno la sua bella figura! Con queste ricette colgo l’occasione per augurare

BUONA PASQUA A TUTTI.

CROSTATA “A STRATI”

Finalmente, dopo un periodo problematico, sono riuscita a preparare questa torta fantastica! Dopo aver attraversato un tempo un pochino pieno di imprevisti cominciando con l’auto di famiglia che ha smesso di funzionare, i miei genitori che hanno avuto bisogno di esami e visite, i disservizi che si sono creati a causa della mancanza di un’automezzo in famiglia (Ho dovuto uscire per la spesa tutti i giorni in quanto non potevo andare nei centri commerciali; dove abito io si trovano in zone che sono quasi tutte raggiungibili con l’auto), hanno fatto si che, a casa mia si accumulassero non pochi problemi! Per fortuna c’è stato un mio parente che, per quanto riguarda le visite dei miei, si è offerto per accompagnarci (Sono andata anch’io in quanto io seguo la situazione clinica dei miei cari), ma per il resto non ho voluto approfittarmi, e quindi, per le provviste in casa mi sono occupata io, come del resto la documentazione per l’acquisto di una vettura nuova. Tale vettura l’ho portata a casa sabato scorso, si tratta di una Opel Corsa, e sono felicissima di guidarla.

Ma veniamo al dunque: come qualcuno di voi ben sa io sono una golosastra delle crostate. Mi piacciono davvero tanto, e questa settimana ho visto una blogger che si chiama Misya che ha preparato questo dolce ma, al posto di fare la classica base di pastafrolla, aumentando un pochino la dose di farina e di olio di semi di girasole, ha pensato bene di preparare più panetti e di fare più strati di pastafrolla e marmellata. Io, variando gli ingredienti (Ho messo la margarina al posto dell’olio di semi), ho ottenuto questo bel dolce.

Devo però dire che, perchè questa crostata venga bene, bisogna prendere una tortiera con un diametro massimo di 20-22 cm, altrimenti la pasta non basta.

Gli ingredienti sono i seguenti:

2 Uova

Gr. 100 Zucchero

Gr. 70 Margarina

Gr. 350 Farina bianca 00

1 Bustina Vanillina

1/2 Cucchiaino di bicarbonato

Q.B. Marmellata (I gusti che io preferisco sono frutti di bosco ed amarena)

Per prima cosa ho preso una terrina, ho sgusciato le uova, ho aggiunto la margarina a temperatura ambiente e divisa a dadini. Ho preso uno sbattitore con le fruste sottili per far si che tale impasto si assemblasse meglio. Uno volta assemblato ho aggiunto lo zucchero, continuando con lo sbattitore elettrico.

Ho cominciato ad aggiungere le farina insieme al bicarbonato ed alla vanillina, fino ad ottenere un panetto liscio e non appiccicaticcio.

Ho diviso il panetto in 3 parti, di cui una più grossa delle altre due.

Ho ricoperto una tortiera mettendoci la margarina e la carta da forno (Ho ritagliato un foglio disegnando prima la circonferenza, poi i bordi), e con l’aiuto di un altro foglio di carta da forno e di un mattarello ho cominciato a stendere il panetto più grosso. Una volta steso, con l’aiuto di questo foglio, l’ho messo dentro la tortiera, ho alzato i bordi ed ho bucherellato l’interno con i rebbi di una forchetta.

Ho preso la marmellata e ne ho versati 2/3 cucchiai, abbastanza per riempire tutta la base, senza però distribuirla troppo vicina ai bordi. Poi ho preso il secondo panetto, l’ho steso e l’ho messo sopra la marmellata. come per il primo ho bucherellato la pasta con i rebbi di una forchetta.



Ho ripreso la marmellata, ed anche qui ne ho messi 2/3 cucchiai, ma stavolta l’ho distribuita anche lungo i bordi. Ho preso il terzo panetto, l’ho steso, e con una rotellina tagliapasta ho formato le classiche striscioline “A grata”. Dal momento che tali striscioline sono avanzate le ho messe anche come contorno della torta.

Ho acceso il forno, e quando è stato caldo ho infornato a 180° per mezz’ora. Quando è risultata cotta ho spento il forno e l’ho lasciata raffreddare. Questa sera, quando l’ho estratta dalla tortiera, il risultato è stato questo:

A guardarla così sembra una normale crostata, ma la sorpresa è proprio “dentro”; quando l’abbiamo tagliata questa sera, l’interno è apparso così:

Come potete vedere ci sono più strati, in quanto la pastafrolla si sovrappone alla marmellata. E’ un nuovo esperimento che è riuscito benissimo, i miei sono stati pienamente soddisfatti. Vi consiglio di preparare questo dolce per una piccola festa con tanti bambini; vedrete che saranno contentissimi!